fbpx

Field marketing

Field marketing

Il field marketing è quella “branca” del marketing che si occupa di tutte le attività “on field” – ossia sul campo.

In pratica si tratta di lavorare con le persone (i potenziali clienti) durante i momenti di contatto tra impresa-clienti come le fiere, gli eventi o in un classico punto vendita che diventa centrale nella strategia di comunicazione.

E oggi approfondiamo questo argomento sconosciuto ancora a molte aziende… ma che può fare la differenza tra un successo e un fallimento dei propri obiettivi di marketing!

Perché fare field marketing?

Iniziamo dalla domanda più comune: perché dovrei destinare delle risorse per il field marketing, anziché impiegarle altrove?

 

Semplice!

 

Essendo un componente del più ampio marketing operativo, il field è impiegato per le attività e raggiungere gli obiettivi strategici dell’azienda.

 

In parole semplici, anche se il prodotto da promuovere (e il contesto in cui viene promosso) cambia ogni volta… gli obiettivi del field marketing restano gli stessi:

 

  • Rafforzare il brand, migliorandone la notorietà;
  • Migliorare il rapporto di fiducia con il cliente, che vede “un rappresentante dell’azienda” a sua disposizione.

 

E proprio questo secondo punto è fondamentale dato che l’operatore sul campo viene percepito come un rappresentante dell’azienda stessa – anche se è un professionista esterno ingaggiato solo per la campagna.

 

Ecco perché è fondamentale saper scegliere il professionista adatto per il tuo progetto.

 

Non puoi certo affidare la tua reputazione aziendale ad una persona a caso!

Il vantaggio di utilizzare il field marketing si traduce in un rapporto face-to-face con le persone creando un:

  • Maggior coinvolgimento della persona;
  • Un’esperienza diversa dal solito acquisto in autonomia;
  • Forte senso di fedeltà (e prima dell’acquisto, curiosità) del cliente al marchio.

Insomma: il tutto – per la tua azienda – si traduce in maggiori vendite, anche in un periodo in cui l’e-commerce sembra aver spazzato via l’acquisto offline.

È davvero così?

Il field marketing è più vivo che mai

Secondo un recente sondaggio di Nielsen Europe, il 67% dei consumatori predilige ancora l’esperienza in store rispetto all’e-commerce.

Perciò…

Significa che investire sul field marketing e tutto quello che ruota intorno (fiere, eventi, attività in store) è ancora una scelta vincente.

Certo, catturare l’interesse del cliente sul campo richiede però sempre più intuito, talento ed attenzione per evitare che la propria strategia di marketing operativo si trasformi in disastrose attività controproducenti.

Ma in concreto, come funziona il field marketing?

Una campagna di field marketing, divisa in tre step

 

Vediamo nel concreto come funziona!

a.   Primo step: Studiare il proprio target di riferimento e gli obiettivi della campagna

La prima mossa da compiere è sempre quella di studiare il proprio target di riferimento per scegliere la tattica più idonea.

Si parte dalle analisi di mercato ma lo stesso field marketing può aiutarti: i professionisti possono aiutarti nel raccogliere informazioni e aiutarti a creare una strategia ad hoc.

Studiato il tuo pubblico, devi fissare gli obiettivi: Vuoi fare field marketing per quale motivo? Quali sono i risultati che vorresti raggiungere?

Fatto ciò, si passa allo step successivo, ossia:

b.   Scegliere il luogo

Banale dirlo!

Una volta scelto il target ideale bisogna capire su quale “terreno” è meglio operare.

Lo dicevamo prima: il field marketing non avviene sempre in un punto vendita (il tuo, magari). Anzi!

Può essere utile fare un’attività di “guerrilla marketing” al di fuori dei tuoi soliti confini per aumentare la notorietà del brand.

In base al luogo scelto, cambia il modo per attirare le persone. In alcuni casi si parla di degustazione (per far venire l’acquolina in bocca al cliente) – in altri casi offerte dedicate o il couponing nel punto giusto possono essere la chiave di volta per la tua strategia!

E ultimo ma non per importanza…

c.    Scelta del personale

È cruciale investire sul personale e nella sua formazione: brand ambassador e sales assistant saranno la faccia della tua impresa.

È perciò importante assicurarsi che siano adeguatamente selezionati e formati tramite corsi (online o in aula) – la formazione non va sottovalutata!

Riassumendo…

Il field marketing è lo strumento ideale per l’avvio di nuove prospettive commerciali che andranno poi a svilupparsi all’interno di un discorso di marketing mix più ampio – composto sia di attività online (ads social, sito web, webinar, etc.) e offline (dimostrazioni dal vivo, in store promotion, sampling, e simili).

Inoltre, proprio grazie al field marketing è possibile conoscere direttamente le esigenze e le opinioni del singolo consumatore, aiutandoti a migliorare i tuoi prodotti/servizi e cogliendo le opportunità di rinnovamento.

Perciò, non va sottovalutato, anche in un’epoca digitale come la nostra!

Vuoi costruire la tua strategia di field marketing personalizzata per la tua impresa?

 

Affidati a noi di Esperta Field e ti troveremo le persone più adatte!